mercoledì 15 novembre 2017

Raimondo Galante - Debord e la Internet Society


Guy Debord post-situazionista...
Guy Debord, “La Società dello Spettacolo” ed. SugarCo 1990, cap. IV par. 87 pag. 135: ”… la borghesia è la sola classe rivoluzionaria che sia mai stata vincitrice; nello stesso tempo che essa è la sola classe per la quale lo sviluppo dell’economia sia stato causa del predominio da essa conquistato sulla società.”
Nella tesi n. 19 della Società dello Spettacolo i (1967), massima opera di Guy Debord, si può forse trovare la chiave interpretativa per comprendere appieno la struttura della società tecnologica di massa occidentale. In essa Debord scrive “Lo spettacolo è l’erede di tutta la debolezza del progetto filosofico occidentale, che fu pure una comprensione dell’attività, dominata dalle categorie del vedere; così come si fonda sull’incessante dispiegamento della razionalità tecnica precisa che essa è uscita da questo pensiero. Esso non realizza la filosofia, filosofizza la realtà. E’ la vita concreta di tutti degradata in universo speculativo.” In queste parole possiamo trovare una critica affatto velata alla filosofia occidentale e in particolare alle sue origini platoniche. Platone è, infatti, il filosofo greco che, introducendo la nozione di idea come forma pura anticipa quella che sarà la tendenza dominante in tutta la filosofia occidentale, quella della ricerca di una dimensione rappresentativa e concettuale della realtà separata dalla realtà stessa. L’idea è infatti per Platone l’unica vera realtà e il mondo intelligibile l’unico modello accettabile di realtà. Si verifica quindi ad opera della filosofia una vera e propria scissione tra ciò che è rappresentabile e quindi visibile (non si dimentichi che eidon in greco antico è la forma dell’aoristo di orao, il verbo che giust’appunto significa vedere).



In base a ciò che risulta essere visibile all’occhio umano si ha una rappresentazione della realtà in cui si cerca di porre una netta distinzione tra ciò che è bene e ciò che non lo è. Scrive infatti Platone nel Timeo: “La vista a mio giudizio, è diventata per noi la causa della più grande utilità, in quanto dei ragionamenti che ora vengono fatti intorno all’universo, nessuno sarebbe stato fatto, se non avessimo visto né gli astri, né il sole né il cielo. Ora, invece il giorno e la notte, in quanto sono veduti, e i mesi e i cicli degli anni e gli equinozi e i solstizi hanno realizzato il numero e ci hanno fornito la nozione del tempo e la ricerca intorno alla natura dell’universo. Da queste cose ci siamo procurati il genere della filosofia, del quale nessun bene maggiore né venne né verrà al genere umano, essendo un dono datoci dagli dei. E dico appunto quello degli occhi è il bene più grande.” L’obbiettivo è quello di definire una visione del mondo in cui sia nettamente e chiaramente distinguibile il bene dal male. L’idea platonica è il tentativo più coerente di formulazione di una rappresentazione della realtà in cui il giudizio sia facilmente individuabile e inequivocabile. Rappresentare la realtà quindi significa anche alterarla sensibilmente e semplificarla in modo da poterla codificare e interpretare. Questo secondo Debord è il peccato originale che affligge la filosofia da quando è nata, e che imprime con un marchio a fuoco la struttura della società occidentale la cui ultima evoluzione è ciò che Debord chiama “lo spettacolo”. Quest’indagine sarà compiuta servendosi degli strumenti interpretativi e delle riflessioni prodotte soprattutto nel corso del novecento da artisti, filosofi, sociologi che hanno avuto nella loro vita a cuore la comprensione della struttura e delle evoluzioni della società occidentale. Tale ricerca non sarà quindi affatto facile, e non avrà come riferimento una unica disciplina ma in essa si cercherà di utilizzare tutti gli strumenti utili ad una comprensione veramente interdisciplinare e completa a 360 gradi del problema, che può complessivamente essere definito dal termine “falsificazione”.


DEBORD E LA INTERNET SOCIETY

per ordinare il libro clicca qui


Un contributo di particolare rilievo sarà dato dalle riflessioni contenute nei testi e negli articoli di Guy Debord e dell’internazionale Situazionista e da quelle contenute nelle opere dei filosofi della Scuola di Francoforte e di un suo collaboratore d’eccezione Walter Benjamin. Infatti, tali autori sono da considerarsi non a torto, coloro che hanno maggiormente studiato l’origine e lo sviluppo della società tecnologica di massa, e che ne hanno individuato la vocazione al dominio globale.
Bisogna poi ricordare la matrice culturale che accomuna, sebbene in maniera diversa questi autori, cioè la riflessione economico-sociale marxiana unita a una ricerca estetica mirata ad individuare una funzione sociale per l’arte. Non bisogna dimenticare che Debord è un figlio non sufficientemente riconosciuto di una matrice culturale duplice: la cultura d’avanguardia e il marxismo.
L’incontro e la fusione di queste due differenti culture, destinate singolarmente, per la loro incompletezza, al reciproco fallimento, daranno invece origine al tessuto economico-sociale del novecento e ne costituiranno lo stile estetico. Il mondo che ci accingiamo qui a descrivere è quello che possiamo vedere con i nostri occhi: la società capitalista e tecnologica di massa, contraddistinta da due fondamentali caratteristiche di riferimento per tutta la nostra ricerca. La prima è il dominio della tecnica, la seconda è la prevalenza su scala globale dell’economia del libero mercato.
Questi due caratteri, che ritornano costantemente e segnano indelebilmente il nostro modello sociale ed economico, sono interdipendenti tra loro e hanno precise ragioni storiche che ne giustificano e ne determinano il successo. Scopo di questa ricerca sarà di indagare a fondo su tali ragioni servendoci dell’illuminante contributo degli studiosi già citati e in particolare delle riflessioni, tuttora scientificamente non superate, che si possono trovare negli articoli e soprattutto nei testi scritti da Guy Debord. Lo scopo finale è quello di riuscire a delineare un esauriente quadro dell’identità della società tecnologica di massa, e aiutarci a comprendere il significato del periodo storico nel quale stiamo vivendo.