Franco Loi (Genova, 21 gennaio 1930)


Franco Loi nasce a Genova, il 21 gennaio 1930, da padre sardo e da madre emiliana. Si trasferisce a Milano con la famiglia nel 1937; qui studia e si diploma in ragioneria. Fino al 1950 lavora come impiegato, poi, nel 1962, inizia a collaborare all'Ufficio stampa della casa editrice Arnoldo Mondadori Editore.
Dopo essere stato militante comunista aderisce al movimento della nuova sinistra, ma dagli anni settanta lascia l'attività politica, assumendo posizioni molto personali, con forte accentuazione religiosa. La sua prima produzione poetica nasce tra il settembre 1965 e l'estate 1974, quasi "sotto dettatura", racconta il poeta che scriveva fino a quattordici ore di seguito.
Esordisce come poeta dialettale e ha subito un buon successo con l'opera "I cart", seguono "Poesie d'amore". Nel 1975  pubblica  il poema "Stròlegh", opera della maturità, con prefazione di Franco Fortini. 
Nel 1978 scrive la raccolta "Teater", poi "L'Angel" e "L'aria de la memoria” che raccoglie tutte le poesie scritte fino al 2002. Scrive molte altre opere, tutte in dialetto milanese, citiamo "Lünn", "Liber", "Umber", "El vent", "Isman", "Aquabella", "Pomo del pomo".
Nel 2001 pubblica  un libro di racconti intitolato "L'ampiezza del cielo". 
Ha vinto il Premio Bonfiglio per la raccolta Stròlegh, il Premio Nonino per Liber, il Premio Librex Montale e il Premio Brancati 2008 (sezione poesia) con il libro Voci d'osteria. 
Ha contribuito a numerose riviste e lavora tuttora per Il Sole 24 ore.
Argomenti ricorrenti nelle poesie di Loi sono la guerra, la presenza del male nella storia, la sensazione di un tradimento commesso e di ferite inguaribili, la forza dell'attacco verbale, il rimpianto di un paradiso perduto e la preghiera. .
Così Franco Loi definisce il suo dialetto: "Un milanese parlato a Milano negli anni Cinquanta, quando per le immigrazioni, per i precisi cambiamenti di ordine sociale, la lingua non aveva più un suo tessuto fermo, chiuso, ma era completamente aperta, il milanese, in quel momento era una vera e propria lingua, culturalmente aperta a tutte le esperienze".
La lingua usata da Loi è un milanese cittadino, contaminato da apporti di lingue straniere, di latino, e naturalmente di italiano,  pieno di forme colte. 

Vèss òm e vèss puèta… Cum’i can
che bajèn a la lüna per natüra,
per la passiensa de stà lí a scultà…
Vèss òm e vèss puèta… ‘Na paüra
de vèss un’aria, un buff… duè murí…
Vèss òm e vèss puèta… Per la scüra
del crèss tra j òmm, desperdèss nel patí,
per returnà quèl fiìsc de la memoria
che la passiensa l’à sparagnâ nel dí.

Essere uomo ed essere poeta… Come i cani
che abbaiano alla luna per natura,
per la pazienza di star lì ad ascoltare…
Essere uomo ed essere poeta… Una paura
di essere un’aria, un soffio… dover morire…
Essere uomo ed essere poeta… Per l’oscurità
del crescere tra gli uomini, disperdersi nel patire,
per ritornare quel fischio della memoria
che la pazienza ha risparmiato nel giorno.


L’è ‘me ‘na müseca che canta de luntan
e mí la brasci tütta sensa streng,
ché lé se spand e fa sentí ai mè man
la rösa che nel sû me par de feng:
l’è ‘n fiâ, un möess ciar di föj nel vérd,
un rídd del sang che ciama l’aria al streng,
‘na vûs che lenta nel corp la se despèrd…
E parli pü, gh’în lur dumâ, j üsèj,
e un stà nel vöj due che crèss el vérd.

È come una musica che canta di lontano
e io l’abbraccio tutta senza stringere,
ché lei si espande e fa sentire alle mani
la rosa che nel sole mi sembra di fingere:
è un fiato, un muoversi chiaro di foglie nel verde,
un ridere del sangue che chiama l’aria alla stretta,
una voce che lenta nel corpo si disperde…
Non parlo più, ci sono loro, gli uccelli,
e un ristare nel vuoto dove cresce il verde.


Dent la paròla vèrta mí me pèrdi,
deventi i ròbb del mund, l’aria che passa,
quèla parola che sta dedré de l’aria
e se fa ciara aj ögg che stan nel temp,
e se mí parli sù no chi l’è ‘l parlà,
l’è ‘l vent che parla cul mè d’un sentiment,
ché nient se fa del nient e nel pensà
la vûs che mí me ciama me vègn dent.

Dentro la parola aperta io mi perdo,
divento le cose del mondo, l’aria che passa,
quella parola che sta dietro l’aria
e si fa chiara agli occhi che stanno nel tempo,
e se io parlo non so chi è il parlare,
è il vento che si dice col mio sentimento,
poiché niente si fa dal niente e nel pensare
la voce che mi chiama mi viene dentro.


Quan’ nüm dísum cultüra, dísum nagott.
L’è tütt un büscià e sòtt gh’è minga ‘l vin,
ch’în quatter j òmm che san e cent ch’imbröja,
e milacent che curr al ner del vin…
Un füm che cuatta ‘l mund de vècc e mort,
tra i càlis che se arsa, un gran magnà,
spüssa che figa passa, e dré di port
la man di làder scunfüsa ai leterâ.

Quando diciamo cultura, non diciamo niente.
È tutta schiuma e sotto non c’è vino,
ché quattro sono gli uomini che sanno e cento che imbrogliano
e millecento che corrono al nero del vino…
Un fumo che copre il mondo di vecchi e morti,
tra i calici che si alzano, un gran mangiare,
puzza di fica passa, e dietro le porte
la mano dei ladri confusa ai letterati.


Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient

Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient,
forsi memoria sèm, un buff de l’aria,
umbría di òmm che passa, i noster gent,
forsi ‘l record d’una quaj vita spersa,
un tron che de luntan el ghe reciàma,
la furma che sarà d’un’altra gent…
Ma cume fèm pietâ, quanta cicoria,
e quanta vita se porta el vent!
Andèm sensa savè, cantand i gloria,
e a nüm de quèl che serum resta nient.

Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente

Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente,
forse memoria siamo, un soffio d'aria,
ombra degli uomini che passano, i nostri parenti,
forse il ricordo d'una qualche vita perduta,
un tuono che da lontano ci richiama,
la forma che sarà di altra progenie...
Ma come facciamo pietà, quanto dolore,
e quanta vita se la porta il vento!
Andiamo senza sapere, cantando gli inni,
e a noi di ciò che eravamo non è rimasto niente.)


De Diu sun matt, se streppa la cusciensa.
Vu ‘n gir, el pensi, me ‘l remèni, e vu…
E püssè ‘l pensi, e pü ghe sun luntan.
Diu l’è schersûs… L’è cume fa la lüna,
ch’i mè penser în nüver, e lü se scund.
Inscì, me tundi via, parli cuj òmm,
e matta l’è la lüna, ciara lünenta,
cun la sua lüs che slisa ne la nott.

Di Dio, sono matto, si strappa la coscienza.
Vado in giro, lo penso, me lo rimugino dentro, e cammino…
E più lo penso, e più gli sono lontano.
Perché Dio è scherzoso. È come fa la luna,
che i miei pensieri son nuvole, e lui si nasconde.
E così io mi perdo via, parlo con gli uomini –
È matta la luna, chiara, luna che si rifà sempre luna,
con la sua luce che scivola lasciando il segno nella notte.


Fonti