Raffaello Baldini (1924-2005)



di Nerina Ardizzoni

Nasce a Santarcangelo di Romagna il 24 novembre 1924.
Dopo gli studi al ginnasio - liceo di Rimini, si laurea in Filosofia all'Università di Bologna e si dedica per alcuni anni all'insegnamento. La sua famiglia gestiva il "Caffè Trieste" in Piazza delle Erbe, dove si incontravano spesso Tonino Guerra, Nino Pedretti, Gianni Fucci e Rina Macrelli, qui il giovane Raffaello, "Lello", dà vita, assieme agli altri giovani intellettuali santarcangiolesi, al sodalizio conosciuto come E' circal de' giudéizi (Il circolo della saggezza).
Nel 1955 si trasferisce a Milano: inizialmente lavora nel campo pubblicitario, successivamente diventa scrittore e, dal 1968, lavora come giornalista per Panorama.
Nel 1967 pubblica con Bompiani, Autotem, una piccola opera satirica sull'automobile vista come feticcio. Debutta nella poesia dialettale con la raccolta É solitèri ("Il solitario", Premio Gabicce) nel 1976; nel 1982 esce La nàiva ("La neve") ed ottiene il Premio Carducci; con la raccolta Furistír ("Forestiero", 1988) vince il Premio Viareggio e con Ad nòta ("Di notte", 1995), il Premio Bagutta.

Le poesie di Baldini spesso sono dialoghi, o meglio “dialoghi telefonici”, perché non sentiamo realmente cosa dice l'altra persona, lo intuiamo, possiamo ascoltare solo il poeta, come quando si ascolta una persona che parla al telefono. Non a caso una delle sue poesie più famose è “Al telefono”, parla di una persona che non arriva in tempo a rispondere, perché dall'altra parte chiudono la comunicazione, e così incomincia a chiamare tutti i conoscenti chiedendo: “Sei stato tu che mi hai chiamato, due minuti fa?”
Baldini si dedica anche alla scrittura per il teatro; scrive il monologo, Zitti tutti!, pubblicato da Ubulibri nel 1993.
Nel 1996 Ravenna Teatro produce lo spettacolo Furistír nato dalla fusione di alcune delle sue raccolte poetiche. Negli ultimi anni l’attore Ivano Marescotti, ha contribuito ad accrescere la notorietà del poeta, recitando in teatro i suoi monologhi e le sue poesie dialettali.
Raffaello Baldini muore nel 2005, a Milano; le ultime opere pubblicate sono Ciacri nel 2000 e Intercity nel 2003.

Tom
Quant émm zughé sa Tom,
quèll ch’a m so divertéi,
mo inteligent, l’era e’ chèn de mi zéi,
piò inteligent ch’ nè léu.

Tom
Quanto abbiamo giocato con Tom,
quel che mi sono divertito,
ma intelligente, era il cane di mio zio,
piú intelligente di lui.


Mètt
Mètt ch’e’ vénga la féin de mònd, admèn,
pasdmèn, e a murémm tótt, mètt che la tèra
la s’infràida, la s sfrangla,
ch’ la s’ ardéusa un purbiòun, ch’ la s pérda tl’aria,
e la léuna l’istèss, u s smórta e’ sòul,
al stèli, e’ vén un schéur,
u n gn’è piò gnént, e at tótt che schéur e’ témp
l’andarà ancòura avènti? da par léu?
e dò ch’ l’andrà?

Metti
Metti che venga la fine del mondo, domani,
dopodomani, e moriamo tutti, metti che la terra
s’infradici, si sbricioli,
che si riduca un polverone, che si perda nell’aria,
e la luna lo stesso, si spegne il sole,
le stelle, viene un buio,
non c’è piú niente, e in tutto quel buio il tempo
andrà ancora avanti? da solo?
e dove andrà?


Cucù
L’è un schérz ch’a n’e’ capéss, a m sint srè i ócc
sal mèni da di dri: cucú, chi è?
e quèst csa vól? dài, ch’a n sémm piò burdéll,
Ricardo, tè t’ é sémpra voia, no?
ta n si Ricardo? t si Tonino, no?
a i so, t si Loris, no? porca putèna,
chi èll? chi sit? a m vólt,
mo dò ch’ l’è ’ndè st’ pataca? u n gn’è niseun.

Cucú
È uno scherzo che non capisco, mi sento chiudere gli occhi
con le mani da dietro: cucú, chi è?
e questo cosa vuole? dai, che non siamo più bambini,
Riccardo, tu hai sempre voglia, no?
non sei Riccardo? sei Tonino, no?
ci sono, sei Loris, no? porca puttana,
chi è? chi sei? mi volto,
ma dov’è andato ’sto coglione? non c’è nessuno.


E´ nòn
Te cafè? da fè chè? a stagh mèi ma chèsa,
a zugh sa cal burdèli,
i zugh ch´ò imparè mai! E u m pis da pérd.

Il nonno
Al caffè? da far che? sto meglio a casa,
gioco con quelle bambine,
i giochi che ho imparato mai! E mi piace perdere.


Basta!
E pu basta, a m so stòff,
l´è tòtt i dè cumpàgn, u n s nu n pò piò.
A m vì fè crèss i bafi!
Mo acsè...
Mo acsè, dal vòlti, quant a tòurn a chèsa,
la saìra, préima d´infilé la cèva,
a sòun, drin, drin,
u n´arspònd mai niseun.

Basta!
E poi basta, mi sono stufato,
è tutti i giorni uguale, non se ne può più.
Mi voglio far crescere i baffi!
Ma così....
Ma così, delle volte, quando torno a casa,
La sera, prima d´infilare la chiave,
suono, drin, drin
non risponde mai nessuno.


A n´e´ so
Invìci mè l´è un pó ch´a pràigh, ad nòta,
quant a m svégg, ch´a so lè, ch´a n´arcàp sònn,
l´è la vciaia? a n´e´ so, l´è la paéura?
a pràigh, e u m pèr ´d sintéi, a n´e´ so,
cmè ch´a n fóss da par mè, a n´e´ so, cmè che,
l´è robi ch´l´è fadéiga, a déggh acsè,
mo a n´e´ so gnénch´ s´a i cràid o s´a n´i cràid.

Non lo so
Invece io è un po´ che prego, di notte
quando mi sveglio, che sono lì, che non riprendo sonno,
è la vecchiaia? non lo so, è la paura?
prego, e mi pare di sentire dentro, non lo so,
come se non fossi solo, non so, come se,
sono cose che è difficile, dico così,
ma non so nemmeno se ci credo o non ci credo.


Intercity
...I à sbaiè
ma la staziòun? mo cmè ch’u s fa a sbaiè?
l’è un Intercity, quèst, u n’è un Esprès,
ch’ l’era pin ‘d zénta sa che marciapí,
a sérmi una fiumèna, e’ chèpstaziòun
a Rémin, a n’e’ so, u n s’è incórt ad gnént?
e gnénca i machinésta?
mo al ferovéi, a déggh, al ferovéi,
ò capéi, la disorganizaziòun,
porca putèna, mo cma pòl suzéd?
quèst’ l’è una roba che,
i è dvént tótt mat? un treno sno par mè?

Intercity
...O hanno sbagliato
alla stazione? ma come si fa a sbagliare?
è un Intercity, questo, non è un Espresso,
che era pieno di gente su quel marciapiede,
eravamo una fiumana, il capostazione
a Rimini, non so, non s’è accorto di niente?
e neanche i macchinisti?
ma le ferrovie, dico, le ferrovie,
ho capito, la disorganizzazione,
porca puttana, ma come può succedere,
questa è una roba che,
sono diventati tutti matti? un treno solo per me?